Via dei Filosofi, 22 - 06121 Perugia
psi.med@hotmail.it
+39 075 34 751
mediazione familiare

La Mediazione è un intervento professionale finalizzato a risolvere situazioni di conflitto attraverso una riorganizzazione delle dinamiche di relazione, all'interno di un ambiente neutrale e protetto.
Nell'ambito specifico della Mediazione Familiare si prevede il sostegno di intere famiglie in caso di situazioni conflittuali irrisolte, di genitori assieme alla prole, giovani coppie con suoceri, nonni e nipoti, fratelli in difficoltà di rapporto e coppie coniugali.

Una coppia che abbia deciso di separarsi, che non sappia ancora se farlo oppure che, avendolo già fatto, debba discutere i propri rapporti patrimoniali o di accudimento dei figli, può trovare una occasione di incontro per comunicare in maniera costruttiva ed efficace.
L'intervento sulla coppia non si prefigge certo di rendere soddisfazione a una vittima individuando il colpevole, ma di arrivare innanzitutto a capire che cosa in un rapporto non ha funzionato.

Proprio con questa finalità, noi abbiamo ideato una tecnica denominata "Mediazione Analitica" volta ad individuare le ragioni del disaccordo su due piani interdipendenti ma distinguibili: quello delle dinamiche relazionali e quello, più profondo, del carattere di ciascun membro.
Unendo la pratica della Mediazione ai principi della Psicoterapia Analitica e delle relazioni, noi possiamo mettere a fuoco le ragioni della cosiddetta "incompatibilità di carattere".

Si comincia dall'analisi delle dinamiche spesso disfunzionali nel rapporto, come ad esempio le collusioni, i tradimenti della fiducia, i compromessi taciti e le dipendenze patologiche, anche da figure gravitanti nella famiglia allargata, sino a mettere in luce gli aspetti del carattere di ognuno che hanno generato delusione nell'altro, come mai questi aspetti non erano emersi in passato e quali ne sono stati i fattori genetici e di rinforzo, nell'arco di tutta l'esperienza di vita, fin dalla infanzia.

Per una coppia che litiga, riuscire a capire le cause e a correggere una dinamica sbagliata può essere una reale occasione di salvezza. Laddove la separazione non sia invece evitabile, lo scopo non dovrà essere quello di uscire dallo scontro con l'orgoglio del vincitore, bensì con la dignità di chi abbia saputo estrarre, dalle macerie del conflitto, quei valori che rappresentano quanto di buono si è costruito nel tempo e che può essere fatto germogliare, per l'indomani, come seme di speranza.

In questa ottica rivolta al futuro, in Mediazione è preminente la salvaguardia della genitorialità, sia dal punto di vista materiale che affettivo, nonché l'equilibrio psicologico dei figli. La famiglia, che dovrebbe rappresentare il porto più sicuro, laddove si cresce, si matura, si mettono in gioco gli affetti e si consolidano i modelli di convivenza, può trasformarsi nel campo di battaglia più insanguinato perché è proprio in famiglia che ci si mette a nudo e si è più vulnerabili.

I figli sono i testimoni e le vittime indifese degli scontri tra i genitori, spesso fatti oggetto di ritorsione o cooptati in alleanze faziose che li pongono in una situazione insostenibile di conflitto di lealtà. Sempre le nostre competenze psicodinamiche sono in grado di alleviare e trovare soluzione alla sofferenza di questi bambini e ragazzi, che possono essere seguiti anche personalmente.
Il cuore del problema consiste nel fatto che, anche se la coppia coniugale può decidere di separarsi, per i figli la coppia genitoriale non muore mai. Ciò trova corrispondenza giuridica nella odierna disposizione dell'affido condiviso, laddove non è più la madre l'esclusiva assegnataria dei figli, con il padre che li poteva vedere il fine settimana soltanto, ma l'ospitalità e l'accudimento dei figli sono un diritto e un dovere che competono oggi ad entrambi.

Con la guida del Mediatore Familiare, un padre e una madre riescono a garantire una continuità delle loro funzioni, prendendo decisioni concrete quali, ad esempio, la comunicazione ai figli dell'intento di separarsi, gli impegni settimanali, le festività e le vacanze, la scolarità, i modelli educativi e, non da ultimo, la ricomposizione della famiglia assieme a nuovi partner, a volte con figli essi stessi.
Queste decisioni vengono prese in piena e responsabile autonomia, piuttosto che rimettersi a sentenze emanate in sede legale e che l'uno o l'altro genitore potrebbe accusare come ingiuste e non rispondenti alle necessità sempre in divenire di una famiglia, appunto perché imposte dal di fuori e dall'alto.

Tutte le persone che si separano arrivano ad esprimere il desiderio di un futuro diverso dal passato che hanno attraversato assieme. La Mediazione Familiare risponde alla sfida di trasformare il dolore del conflitto in speranza, mettendo a frutto tutte le esperienze, anche le più negative, nonché a fuoco le risorse e gli obiettivi.
Solo se si ha la certezza che gli errori del passato potranno essere in futuro evitati, si procede con la sicurezza di una vita aperta a prospettive migliori, per se stessi e per chi amiamo, e ameremo, un domani.

Contattaci senza impegno!

Compila il form per ricevere informazioni. Il Dr. Ugo Mancini e la Dott.ssa Felicioni ricevono a Perugia pazienti provenienti da tutta l'Umbria: Foligno, Spoleto, Gubbio, Città di Castello, Orvieto, Terni; per questo motivo offrono la massima flessibilità in termini di date ed orari per gli appuntamenti in studio.